Blog: http://CaffeNero.ilcannocchiale.it

BUFALE - l'attentato incendiario al campo nomadi della Magliana è un falso. L'operatore che ha telefonato denunciando l'attentato è stato denunciato per "procurato allarme"

 

E così l'attentato incediario al campo nomadi del quartiere Magliana è stata una bufala.

Nei giorni scorsi la grande stampa, a cavallo dell'inizio del censimento dei rom titolava "
attentato con molotov a campo rom " .

Gli stessi rom residenti hanno smentito che il campo fosse stato oggetto di un lancio di bombe molotov e si è appreso che l'allarme, lanciato da un operatore dell'Arci, associazione che ha in gestione il campo,  riguardasse un incendio accidentale e non  doloso.

Peccato che la grande stampa e i media in generale, non hanno riportato la notizia che l'operatore dell'Arci che telefonò alla Polizia, è stato denunciato per "procurato allarme". Ora l'operatore smentisce di aver mai parlato di lanci di molotov. Peccato per lui che la telefonata è stata registrata dalla Polizia.

Dopo la monumentale figura di merda del "Pigneto " , addebitata a "nazifascisti" termine inappropriato, posto che non vedo in giro ne camicie nere ne reparti della Whermacht  (del resto siamo nel 2008 e non nel 1944)  , che poi si scoprì essere stato messo in atto da un nero ( nel senso di africano ) e da un tizio con tanto di " Che Guevara" tatuato sul braccio ( si sa che i nazifascisti hanno tutti un tatuaggio del " Che " ) ci hanno riprovato.
Rimediando un altra figura di merda. 

La sinistra, sempre più frastrornata e senza temi, sballottata tra il giustizialismo di Di Pietro e i propri guai giudiziari , l'affaire Del Turco ,l'inchiesta  Unipol Bnl da cui è conseguito  il trasferimento della Forleo, peraltro  già prosciolta da provvedimenti disciplinari,  per " incompatibilità ambientale " , l'intervista di Tavaroli, già 007 della Telecom, che dalle colonne della "Repubblica"  ha parlato di conti esteri nella disponibilità di Piero Fassino , s'aggrappa alla xenofobia, ma gli esiti sono quelli che sono . 

Ma si sa, quando si va a fondo , ci si aggrappa a delle certezze.


 

Pubblicato il 26/7/2008 alle 9.0 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web