CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




30 marzo 2009

Primo congresso del PDL : LUCI ED OMBRE

avanti popolo... 

Confesso che i giuovani forzisti vestiti come manichini mi hanno  messo a disagio, come d'altronde le note de " meno male che silvio c'è " e la coerografia da convention di venditori di aspirapolveri.

Ma qualche nota gradevole  l'ho sentita: nel discorso di Fini sulla concezione hegeliana di Stato e nazione , nella ormai dichiarata competizione elettorale con la Lega Nord (ERA ORA ) , nella volontà di creare un sistema politico bipolare e presidenziale e nella critica di Giulio Tremonti del turbocapitalismo  .

Di certo l'alleanza /sudditanza di Forza Italia verso la Lega Nord s'è affievolita e. Ora sta a noi che siamo sul terreno metterci in competizione con la Lega e possibilmente  sconfiggerla .

Non se ne può più di questa Lega che governa con toni demagogici da campagna elettorale, che spara contro gli immigrati extracomunitari ma i cui militanti gli affittano stamberghe (in nero ) o li fanno lavorare sottopagati nei cantieri , che tiene alto il livello di competizione con il PDL dopo aver incassato dal PDL ; è ora che la Lega inizi a condividere leresponsabilità di governo e diventi un alleato più leale di quanto sia stata sino ad ora.

Per cui poche chiacchere e buon lavoro. 

Pike




25 marzo 2009

Vere foto, scoop fasullo e sicuri bugiardi! ecco le fotografie del falso scoop di Repubblica

 

(dalla newsletter del barone Roberto Jonghi Lavarini )

Ecco le vere foto del falso scoop dell'infame compagno giacobino Paolo Berizzi che dovevano provare le solite "trame nere" fra "fascisti, malavita, politica ed affari":

Foto di IGNAZIO LA RUSSA con “il boss siciliano CICCIO CRISAFULLI” (pubblicata su La Repubblica del 17.03.09 e nel libro Bande Nere) in realtà NICOLA GIULIANO (Carabiniere di piantone alla Banca d’Italia di Milano e simpatizzante di destra).

Foto nella Comitato Elettorale di AN a Quarto Oggiaro (Milano) con “il boss calabrese SALVATORE DI GIOVANE” (pubblicata sul settimanale Diario del 13 luglio 2007 e citata sia da La Repubblica del 17 e 18 marzo che nel libro “Bande Nere”) in realtà GIORGIO DE MARTINO (Custode Casa Popolare del Comune di Milano ed ex militante del Movimento Sociale).





23 marzo 2009

si spegne la fiamma

 




19 marzo 2009

``Quei neri più a sinistra dei rossi così Roma ha scelto i fascio-comunisti``

 

 falce_e_martello.jpg

``Quei neri più a sinistra dei rossi così Roma ha scelto i fascio-comunisti``

Gli Alemanno-boys raccontati da Antonio Pennacchi: dal suo romanzo il film "Mio fratello è figlio unico"

 

(la Repubblica, 30 aprile 2008)

 


Prima proletari, poi intruppati nel Msi, oggi sovrastati dalla destra vera di Bossi e Berlusconi

"Anche Alemanno è più a sinistra di Rutelli. Ma si salva solo se fedele alla sua tradizione"

 

FRANCESCO ERBANI

  


I fascisti o ex fascisti li ha conosciuti bene. Uno, Accio Benassi, l´ha raccontato nel romanzo Il fasciocomunista, che Daniele Lucchetti ha portato sullo schermo intitolandolo Mio fratello è figlio unico. Accio è lui, Antonio Pennacchi, scrittore, iscritto al Msi e poi espulso nel ´68, approdato a Servire il Popolo, al Psi, alla Cgil, alla Uil, al Pci e poi di nuovo alla Cgil, ed espulso anche da lì. Si dichiara stalinista, leninista e marxista. «Alemanno non lo conosco, ma ho conosciuto quelli come lui, che per convenzione si chiamavano fascisti di sinistra».

Per esempio?

«Luciano Lanna, attuale direttore del Secolo d´Italia, Umberto Croppi, anche lui, come me, cacciato dal Msi».

Che tipo di fascisti erano?

«Erano gli eredi dell´anima rivoluzionaria del fascismo. Anima proletaria. Psicologia dei perdenti, quelli che non tradiscono la squadra, anche se vinta. Antiamericani, anticapitalisti. Le dico una cosa forte?».

Proviamo.

«Alemanno è più a sinistra di Rutelli».

Opinioni personali. Si spieghi meglio.

«Una delle mitologie coltivate in quegli ambienti era la bonifica delle paludi pontine attuata dal fascismo. Che modificò i rapporti di classe, avviò riforme strutturali nel mondo contadino. Poi quei ragazzi si intrupparono nel Msi e la linfa si esaurì».

Lo racconta nel Fasciocomunista. Dove c´è anche la storia, che lei giura vera, di Stefano Delle Chiaie che a Valle Giulia guidava i militanti di Avanguardia nazionale contro la polizia.

«Fu allora che il Msi impedì che fraternizzassimo con i rossi. O di qua o di là. E così nel partito si ritrovarono i fascisti conservatori e quelli rivoluzionari. Purtroppo il collante era alimentato dal fatto che la sinistra li relegò tutti insieme in un ghetto».

Accio Benassi, cioè Antonio Pennacchi, viene espulso allora.

«Sì, ed è la sua salvezza. Rischiava di diventare un terrorista».

Agli altri cosa succede?

«Molti restano nel Msi. Ma quando, anni dopo, Berlusconi fa uscire dal ghetto il partito di Fini, io speravo che il loro vitalismo riemergesse. E invece sono stati sovrastati dalla destra vera, Berlusconi stesso e Bossi. Posso parlare di Latina, la mia città?».

Dica.

«Negli anni 90 fu eletto sindaco Ajmone Finestra, soldato nella Rsi, vero fascista di sinistra. Finché ha governato da solo, ha governato bene. Al secondo mandato si è alleato con Forza Italia. Poi è arrivato Vincenzo Zaccheo, sempre An, che è stato peggio della peggiore Dc».

Che cosa ha fatto?

«Ha oltraggiato la sua storia. Sotto Piazza del Popolo, simbolo della Littoria fascista, vuol scavare un parcheggio».

È un consiglio per Alemanno?

«Alemanno si salva solo se resta fedele alla sua tradizione».




19 marzo 2009

in punta di forchetta

 Durante la trasmissione "Porta a Porta" dedicata alla canzone di Povia "luca era gay" Franco Grillini, presidente dell'arcigay, ha fatto la seguente affermazione:

"le donne si innamorano dei bianchi caucasici perchè sono gentili, si lavano, e non sono violenti..."
....

Come si può vedere, affermazione pesantemente razzista.no?

A parte la leggera sostituzione di "bianchi causasici" con "gay", questa è stata la sua affermazione, la quale rimane razzista.

Quindi mi fa pensare che lo sgrillettante sia un esponente nazigayo....

Caposkaw


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Franco Grillini arcigay in punta di forketta

permalink | inviato da Pike il 19/3/2009 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio   <<  1 | 2 | 3  >>   aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom