CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




7 maggio 2009

Un gruppo su facebook inneggia a Achille Lollo



Ricordate questa immagine ?

Per chi non se lo ricordasse , dei militanti di Potere Operaio di estrazione medio-alto borghese , versarono benzina all'interno dell'abitazione dei Mattei, proletari romani ed attivisti del MSI  appiccando poi  il fuoco. Proletari immaginari , in realtà borghesi benestanti, uccisero in nome del popolo dei veri proletari. 

Nel rogo morirono  Virgilio e Stefano Mattei , 10 anni  .



Tutt'oggi gli autori materiali del reato sono impuniti.

A suo tempo l'hintellighenzja di sinistra corse in soccorso degli autori materiali dei reati.Cito ad esempio la Signora Franca Rame coniugata Nobel : 

cit. wikipedia : Una esponente dell'Organizzazione Soccorso Rosso Militante, Franca Rame, in una lettera datata 28 aprile 1973 scrive al Lollo Ti ho inserito nel Soccorso rosso militante. Riceverai denaro dai compagni, e lettere, così ti sentirai meno solo.[4]

Oggi su facebook è apparso un gruppo che inneggia ad Achille Lollo, riporto un copia incolla testuale. Si noti che nel gruppo appare la fotografia riportata in testa a questo post.  

Speriamo che facebook rimuova il gruppo al più presto , con la stessa velocità con cui oscura i gruppi di ispirazione neonazista.

Quanto odio cova in questo paese, malgrado le vicende storiche motivo del contendere siano lontane e le ideologie che hanno lacerato il corpo della nazione  siano oramai morte e sepolte.

Pike 




 

Achille Lollo SANTO SUBITO!!

Globale

Informazioni di base

Tipo:
Descrizione:
viva Achille Lollo, che brandì il fuoco per purificare l'Italia e il mondo!!!!




18 giugno 2008

PRIMAVALLE BRUCIA ANCORA

 

(tratto da IL FONDO - magazine di Miro Renzaglia - n.2 / 9 giugno 2008 www.mirorenzaglia.org) - Dice bene Giampaolo Mattei, fratello di Stefano e Virgilio, vittime nel 1973 del rogo di Primavalle, a proposito del suo libro La notte brucia ancora (Sperling & Kupfer): «Quando un bambino brucia per effetto dell’odio ideologico, l’innocenza la perdono tutti, anche quelli che pensano di essere estranei al lutto» .

Ora questa storia, a suo dire, può essere nuovamente raccontata: «non per regolare conti o per cercarevendette postume. Non per togliersi soddisfazioni personali. Ma per chiudere la stagione dell’odio con la forza di una memoria privata che può essere finalmente condivisa con gli altri. Adesso è il tempo di spegnere le braci di quella notte che brucia ancora.»

Dice bene ma, allo stesso tempo, non dice tutto. Perché non basta a chiudere le stagioni dell’odio poter raccontare nuovamente questa o altre storie maledette: occorre che le vittime di queste storie abbiano giustizia. E i suoi fratelli, Stefano e Virgilio, la giustizia l’aspettano ancora. Così come l’aspettano decine di altri ragazzi caduti, in quegli stessi maledettissimi anni ‘70, passati alla storia come “anni di piombo”, in nome delle bandiere rosse o nere che avevano avuto l’impudenza di sventolare.

Ma, se vogliamo, la vicenda dei fratelli Mattei è di una maledizione ancora più nefasta e, allo stesso tempo, emblematica. Qui, a differenza di tanti altri casi, non si può parlare di delitto per mano di ignoti. Delitti che, a distanza di tanti anni, forse non possono più avere giustizia. Qui, è tutto noto: dal crogiolo gruppettaro marx-leninista dove l’odio e lo spirito assassino si alimentò (Potere operaio) al nome dei sicari; dalle coperture giustificazioniste degli intellettuali loro compagni di bandiera, alle modalità per così dire tecniche dell’esecusione, fino alle complicità, istituzionali e di militanza, che consentirono ad Achille Lollo, Marino Clavo, Manlio Grillo di scampare non alla vendetta ma egli esiti di giustizia che in un paese normale dovrebbero essere garantiti per diritto di semplice cittadinanza.

Ed è qui, proprio su questo punto dove la piaga continua a sanguinare che Giampaolo Mattei non incide.

Per esempio, nel libro non viene affatto citata la figura dell’avvocato Francesco Carleo Grimaldi che, ancora pochi anni fa, tentò la riapertura del caso puntando sulle molto omesse ipotesi di favoreggiamento di cui godettero, a loro stesso dire con diverse e successive dichiarazione, gli assassini. Ipotesi he riguardano nomi non certo ignoti. Come quelli di Oreste Scalzone e Franco Piperno, che onestamente hanno confermato le loro responsabilità. O come quello dell’ex attrice Paola Pitagora che, invece, non si sa con quanta onestà, le ha respinte minacciando querele, mai giunte a destinazione processuale, a chi l’avesse ancora tirata in ballo. Strategia processuale, quella dell’avvocato Francesco Carleo Grimaldi, poi lasciata impudentemente cadere.

Nel libro non si fa menzione, ancora, del rapporto di parentela stretta fra la prima moglie del generale Dalla Chiesa, signora Dora Fabbo, e Manlio Grillo né dell’appartenenza del fratello di quest’ultimo, in qualità di ufficiale dei Carabinieri, alla task force antiterrorismo al cui vertice c’era proprio il generale stesso, poi assassinato dalla mafia in Sicilia.

Non si fa menzione, di nuovo, alla strana vicenda del quotidiano di Roma “Il Messaggero” - all’epoca tra i più strenui assertori della teoria della faida interna fra missini quale movente dell’eccidio - allora proprietà della famiglia Perrone e della a dir poco sospetta derubricazione, da imputata a testimone, del ruolo di Diana Perrone, intima del trio ferocemente colpevole e presente sul posto la notte dall’accaduto. E, forse, non risulterà casuale, di lì a poco, la cessione del quotidiano dei Perrone in solide mani di apparato democristiano.

Nel libro non ci si chiede, in un infine che resta aperto, come sia stato possibile che Achille Lollo, per sua esplicita dichiarazione, abbia potuto passare tante frontiere dall’Angola (noto paradiso di tanti terroristi rossi all’epoca in corso di ricerca…), all’Italia, alla Francia, fino in Brasile, dove tuttora si trova in libero soggiorno, “con regolare passaporto italiano”. Fatto che induce a pensare come il suo nome, nonostante la latitanza, non fosse fra quelli segnalati alle varie polizie di frontiera né all’Interpol…

Fatti, solo fatti. Fatti che non attendono neanche più di essere confermati perché nessuno li ha mai smentiti né può smentirli. Fatti che non leggerete, però, nella fatica editoriale di Giampaolo Mattei.

Li troverete, invece, puntualmente registrati in un piccolo dossier, Strage di Primavalle, processo a porte aperte, tirato in 500 copie a cura dell’Associazione Fratelli Mattei di cui è presidente proprio Giampaolo e costato anni di ricerca a quello che fu uno degli amici più cari di Virgilio: Graziano Cecchini (sì, proprio quello di Rosso Trevi…), il cui nome sparisce, insieme ad ogni riferimento al dossier stesso e a quanto qui rapidamente riportato, dalle pagine del libro…

Dossier che, pure, era stato patrocinato e finanziato istituzionalmente dalla Regione Lazio e che porta la prefazione di Francesco Storace, allora Presidente della Regione, e soprattutto di Enzo Fragalà, già membro della Commissione Mitrokhin, incaricata di portare finalmente luce sui misteri che ancora consentono di bruciare alle troppe notti dannate di questo maledetto paese…


  Miro Renzaglia


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rogo di primavalle

permalink | inviato da Pike il 18/6/2008 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (65) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom