CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




10 novembre 2008

OCCASIONISSIMA: APPARTAMENTO PER € 29.164!!!

  

Affare imperdibile per l'intellettuale zapatista romantico-decadente che sogna un bugigattolo con terrazzino all'Avana vecchia.

Occasione unica per l'attivista da centro sociale-comunista-radical chic (in ordine inversamente proporzionale all'ortodossia del verbo) che intenda seriamente dare prova della propria coerenza rinunciando al pied a terre in città alta o nei borghi storici.

Opportunità storica per l'ideologo multi/etnico-culturale così politically correct e teoretico da diventare quasi xenofobo contro la sua stessa etnia per induzione riflessa virulenta da massimo sistema.

Svendita irripetibile per chi tutela giovani in forze furbetti, mafiosetti, nullafacenti a discapito di chi si rompe la schiena in fabbrica ed in ufficio versando le tasse (trattenute) sino all'ultimo penny.

Offerta riservata a chi dopo le parole vuole fare seguire i fatti: la convivenza fra immigrazione ed illegalità può partorire anche un ottimo affare: prego...

 
CISERANO - Località Zingonia - Complesso "Anna" ed "Athena" - Viale Monaco n.5
 
Appartamento al piano terzo, composto da ingresso, disimpegno, cucina, soggiorno, camera, bagno e due balconi, con annesso vano cantina al piano seminterrato.

Prezzo base euro 29.164,00 rilancio minimo euro 1.000,00.
Vendita senza incanto 04 dicembre 2008 ore 9.30.
Eventuale vendita con incanto in data 22 gennaio 2009 ore 9.30. G.E. Dr. M. Marongiu.

Professionista delegato alla vendita Dr. F. Calarco.
Per info Associazione Notarile Bergamo tel.035.219426 (Rif. RGE 428/07)
 
- Dal Bollettino aste immobiliari e fallimentari della Camera di Commercio di Bergamo -  
 
 

 (dal blog :bergamoblog.it ; autore :  Principebianco

 


.




10 luglio 2008

Ecco le fotografie della contessa Borromeo dopo una carica della celere durante una manifestazione in difesa dei precari rom & gay di Chiaiano picchiati da un gruppo di naziskin

 Nella foto Il gruppo di manifestanti cui era aggregata la Borromeo, dopo la carica del reparto celere.
Nella foto : la Borromeo contusa dai colpi ricevuti dalla celere.Nella foto : la Borromeo dopo essersi fatta prestare le prime cure( si noti la consueta espressione intelligente e vivace)
.
Nella foto : la bandiera rossa di nuovo tipo adottata dal gruppo della Borromeo.

Ma ovviamente il mio è un racconto di fantasia.

Ecco invece cos'è accaduto davvero :

Look con parrucca stile trans e occhiali alla Renato Zero: Pierre Casiraghi è grande star in un party davvero fashion. Una festa di quelle da ricordare, al punto che la stessa contessina Beatrice Borromeo ne esce completamente distrutta: occhio che cade e sensazione generale che la fanciulla vorrebbe abbandonarsi a un sonno ristoratore, mentre il sudore scorre a fiumi sulla sua pelle. La calda Versilia - in questo caso i bagni Anetta a Forte dei Marmi che hanno tenuto a battesimo i 25 anni della rampolla milanese Micol Sabbadini - sa come regalare soddisfazioni ai viveur della notte...


Non ci sono più i comunisti di una volta!

Comunisti di ieri

comunisti di oggi
Pike

Ringraziamo Ludwig per la collaborazione




6 giugno 2008

"Fascista, non puoi fare l'esame"Uova e insulti degli autonomi: una studentessa di destra, Augusta Montaruli, cacciata dall'università

  

MASSIMO NUMA
TORINO

Alla fine ha rinunciato. Niente esame di procedura penale, il terz’ultimo prima della laurea. Augusta Montaruli, 24 anni, studentessa di legge a Torino e dirigente di An-Azione Giovani, ieri mattina è stata affrontata da un gruppetto di autonomi, decisi a impedire le prove d’appello per ricordare gli incidenti alla Sapienza. Lei gira da quattro anni sotto scorta. Tre amici che la proteggono da insulti e anche aggressioni fisiche. «Sono abituata a questo clima, ma oggi era proprio impossibile. Ho ceduto per difendere gli studenti nella mia situazione. Assurdo».

«Fascistella, te ne devi andare. Qui non puoi entrare», le urlano. C’è anche uno slogan dedicato e lei: «Le donne di destra non sono liberate, sono solo serve e non emancipate». Le più accanite sono le ragazze. Neanche fosse una questione personale. Augusta è anche protagonista di un fumetto, pubblicato su un sito anarchico. Con una conclusione agghiacciante: «Premi con forza la faccia dell’Augusta per capire che pensa». L’Augusta ha 24 anni, di cognome fa Montaruli. Autonomi e sinistra radicale avevano organizzato il presidio. Immediata la contro-manifestazione dei ragazzi di destra. Lei è un tipo gracile, indossa un trench bianco e resta immobile per ore davanti all’ingresso, circondata dai militanti di An. Di fronte, una ventina di autonomi del collettivo universitario. Nasce così un’interminabile, bizzarra mattinata. Da una parte, verso l’uscita, il gruppetto di antagonisti. In mezzo un robusto cordone di poliziotti, diretti dal capo della Digos di Torino in persona, il vice-questore Giuseppe Petronzi. Ricapitolando: quelli del presidio di An, secondo gli antagonisti (striscione: «Via i nazi-fascisti dall’Università») non dovevano assolutamente uscire dall’ingresso principale, semmai da quello posteriore, tanto da rimarcare una fuga ingloriosa. Gli avversari non hanno ceduto di un millimetro, sino a quando gli appelli non sono finiti. La pazienza dei poliziotti è stata messa a dura a prova. Quando il leader, il dottorando Davide Grasso, ha tentato di aggirare gli agenti del reparto mobile, ed è stato allontanato senza se e senza ma, e quando, al 90’, la polizia è avanzata con decisione, sino a sospingere fuori dai cancelli gli autonomi, fradici di pioggia.

Cortine di fumogeni, lanci di uova e slogan funerei: «Camerata basco nero il tuo posto è al cimitero». Poi richiami nostalgici alle fucilazioni di massa delle «camicie nere». Scene di una guerra virtuale, come non accadeva da tempo, e seguite con estrema nonchalance dalla grandissima maggioranza dagli altri studenti. Acqua a dirotto; sotto le tende del chiosco-bar «Il rettore», gelati e coca-cola per ingannare il tempo, in attesa che lo spettacolo finisse. Chissà, magari con uno scontro vero, e non solo a parole. Risate e battute.

Ezio Pelizzetti, il rettore, non ride affatto. «Non credo assolutamente che sia giustificato questo clima di intolleranza. Tutti hanno il diritto a manifestare le proprie idee. L’università è un luogo di confronto, di scambi di idee e di pensiero. Devo dire che gli studenti torinesi sono 75 mila e solo una piccolissima percentuale ha scelto la strada della violenza. Spiace che le forze dell’ordine siano costrette a intervenire per garantire un clima libero. Noi, d’altra parte, che possiamo fare? Spiace per la studentessa, che ha rinunciato a sostenere l’esame».

( Fonte : La Stampa )



sfoglia     ottobre        dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom