CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




23 maggio 2009

L'armata dell'anello vive e lotta insieme a noi - una vignetta di Alfio Krancic

 




22 maggio 2009

Tovarich orobici leggete "BergamoBlog"

 

Tovarich orobici :

Leggete e diffondete il valoroso blog www.bergamoblog.it .

Riceverete notizie essenziali sulla vita culturale della città orobica, come la proiezione del film "Chiamami Mara" Il film sulla stora di Mara Siclari - figlia transessuale del primo procuratore antimafia - e della sua transizione di genere, fra famiglia, figli, affetti, lavoro e vita sociale.UNA STORIA STRAORDINARIA DA VEDERE E DA PENSARE.
(citazione testuale)



Sempre Bergamoblog diffonde notizie imperdibili, come la visita di Silvia Baraldini a Bergamo organizzata dal locale circolo Arci , oppure la notizia del corso di percussioni africane a Verdello oppure dell'imperdibile convegno promosso dall'associazione Italia  - Cuba .


Ovviamente scherzavo; non me ne vorranno i compagni.Parlando seriamente:

Il blog è di parte checchè ne dicano. E non è vicino al centro destra come immagino avrete intuito. 

Ma è ben fatto , divertente crea degli stimoli.E' un blog da leggere ed aggiungere ai preferiti.

www.bergamoblog.it

Pike




15 maggio 2009

La sinistra del NO




Carlo Redondi , eletto non ancora trentenne sindaco di Covo , una cittadina in provincia di Bergamo , è riuscito nell'ardua impresa d'essere gradito a elettori tradizionalmente legati alla sinistra , oltretutto essendo stato eletto nelle liste di Alleanza Nazionale.


Infatti Covo è un enclave rossa (ora rossiccia) in un territorio storicamente legato prima alla DC e poi a Forza Italia e Lega Nord. Nella cittadina vi è una sede di Rifondazione e una del PD, oltre a una delle poche "case del popolo" ancora esistenti in provincia.

Già questa è un anomalia di per se : essere eletti militando in Alleanza Nazionale in una città rossa ( o rossiccia ) per giunta con i "poteri forti " che in una cittadina sono "poterini fortini " , che gli remavano apertamente contro.

E nelle piccole comunità, i "poterini fortini" hanno voce in capitolo.Ma sa suo tempo i covesi premiarono le idee nuove. la voglia di fare, la freschezza.La squadra di Redondi era composta da giovani. 

Durante la sua amministrazione le opposizioni hanno dato battaglia  usando argomenti di scarsissimo spessore . Ma del resto le sinistre locali sono un riflesso di quelle nazionali , per cui è difficile stupirsi.

Non di meno, elettori "fidelizzati" alla sinistra, fortemente radicata nella città, dichiarano apertamente che lo voteranno. Segno che alla propaganda la gente preferisce i fatti.

Ma è paradossale che i covesi apprezzano l'operato del sindaco , mentre fuori da Covo arriva solo l'eco delle polemiche  fatte di nulla  create ad arte da certa sinistra del NO .

Ma restiamo su un singolo FATTO : l'amministrazione Redondi ha una fortissima sensibilità ambientale: ha fatto piantare 800 piante riqualificando aree verdi ormai spoglie di verde, bruciate dall'agricoltura intensiva ed ha  avviato un progetto per dotare la città di un impianto fotovoltaico, realizzato a costo zero per le casse comunali.


Contro l'uso di aree comunali per l'installazione di pannelli fotovoltaici ,   Redondi ha chiesto all'azienda fornitrice la realizzazione di opere pubbliche su cui peraltro verranno installati parte dei pannelli , opere che  verranno realizzate a costo zero per la comunità e oltretutto il contratto prevederà la fornitura di energia rinnovabile gratis .


Inoltre è stato messo in cantiere una centrale a biomasse : dovete sapere che a Covo vi sono molti allevamenti di maiali e per rispettare i severi parametri europei di inquinamento delle falde , le aziende avrebbero dovuto dotarsi di costosi depuratori; il liquame dei maiali contiene nitrati che vanno smaltiti con costi folli per le aziende con le logiche ricadute sull'economia locale .

Redondi ha risolto il problema  varando il progetto di una centrale a biomasse, che produrrà  energia pulita, risolvendo il problema dello smaltimento dei liquami animali creando energia verde, rinnovabile.

Ma la "sinistra del no" monta una polemica contro il fotovoltaico e la centrale a biomasse !

Io non mi capacito del fatto che un'amministrazione attenta all'ambiente venga criticata perchè vara un progetto ambientalista sulle energie rinnovabili, che alla comunità costerà zero euro , fornirà energia rinnovabile a costo zero e darà ai covesi opere pubbliche  a costo zero.

Mi sembra una follia, un assurdità assoluta, non me ne capacito proprio.La sinistra "ambientalista" rinnega se stessa, la propria anima,  dicendo NO al fotovoltaico.

Ma se pensiamo all'incapacità della sinistra di porsi propositivamente, al fatto che la sinistra deve essere anti qualchecosa o qualcuno -  e dire sempre NO , sempre e comunque e -senza se e senza ma- o deve sempre e solo fare "resistenza" , non c'è molto di cui stupirsi.



Succede a Covo come nel resto della Nazione.

Pike


 




 




28 gennaio 2009

Colpi di pistola alla sala che ospita la cerimonia sulla Shoah



(Vauro 2008 )                                           (ignoto autore nazista 1935)


C'è stupore in paese, stupore e un po' di disorientamento dopo la provocazione avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. Qualcuno (sono stati visti fuggire in due), intorno all'una, ha sparato otto colpi di pistola calibro 22 contro il palazzo che ospita la sala polivalente di via Torrazzo nel centro del paese. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Verdello, insieme agli uomini del nucleo operativo di Treviglio: i bossoli sono stati ritrovati e repertati.

Le indagini sono in corso, non si esclude che si sia trattato di un atto dimostrativo verso la cerimonia del Giorno della Memoria che si terrà stasera nella sala
. Sembra da scartare invece l'ipotesi di un gesto rivolto direttamente contro il Comune, visto che la sala è ubicata in un'altra via rispetto al municipio e non può essere considerata un luogo simbolico.   

Gli otto spari hanno colpito i vetri della sala (l'ex sala consiliare): sono stati uditi dal titolare di un bar nelle vicinanze, che però al momento ha pensato a dei petardi. Soltanto questa mattina, quando la polizia locale ha trovato i fori dei proiettili, l'uomo ha ricollegato i botti all'inquietante episodio.

Un  gesto che ha sorpreso i residenti, primo tra tutti lo stesso sindaco Michele Luccisano ( centrosinistra) : "Sinceramente non  riesco a capacitarmi. A un certo punto ho perfino pensato che atti simili fossero accaduti anche in altre località, ma a quanto ne so invece questa brutta cosa è avvenuta solo qui. Anche se non mi capacito: non si sono mai registrate tensioni e mai ho avuto sentore di antisemitismo".

Mentre racconta, al sindaco viene in mente che quando in Parlamento si stava discutendo l'istituzione del giorno della memoria il Consiglio comunale di Arcene votò un ordine del giorno  per sollecitare l'approvazione della legge, ricevendo il plauso della comunità ebraica. "Quel che è certo - prosegue e conclude - è che stasera la cerimonia con  poesie e musiche dedicate alla Shoah si terrà proprio lì dove era previsto e dove si svolge da anni senza incidenti".

Va sottolineato che a meno di tre chilometri da Arcene , esiste una sorta di ghetto islamico ,qual'è diventata purtoppo la città di Zingonia. Le piste più probabili sono quindi la sinistra radicale, fortemente presente a Bergamo o alla comunità islamica bergamasca. 




10 dicembre 2008

Il Comune di Bergamo nega la medaglia d'oro a Mirko Tremaglia

Il Comune di Bergamo ha deciso di negare la medaglia d'oro, annualmente conferita ai concittadini più meritevoli  all' Onorevole  Mirko Tremaglia.

Laureato in giurisprudenza, all'età di 17 anni aderì alla Repubblica Sociale Italiana e fu per questo rinchiuso nel campo di concentramento di Coltano. Esponente storico e dirigente del MSI, sin dalla nascita della Repubblica Italiana nel 1948, ha svolto importanti compiti nel comitato centrale e nella direzione nazionale del partito. Fu quindi nominato responsabile del dipartimento di politica estera del MSI-DN, nel 1969. È stato uno dei più stretti collaboratori del segretario Giorgio Almirante. Tremaglia è stato eletto alla Camera per la prima volta nel 1972. Dopo la "Svolta di Fiuggi" del gennaio del 1995 aderiva al progetto finiano di Alleanza Nazionale, evidenziandosi fra i sostenitori dei valori di identità nazionale e dell'italianità nel mondo. Il figlio Marzio, uno dei più brillanti dirigenti giovanili del Fronte della Gioventù e quindi assessore alla Cultura della Regione Lombardia, vicino a Gianfranco Fini, scomparve a soli 42 anni nel 2000, segnandone in modo indelebile la vita affettiva e politica. Alle elezioni politiche del 2001 fu eletto deputato nel collegio uninominale di Bergamo come esponente della Casa delle Libertà. Dall'11 giugno 2001 al 17 maggio 2006 ha ricoperto l'incarico di Ministro per gli italiani nel mondo (Governi Berlusconi II e III). Tremaglia è stato il ministro più anziano in carica, oltre ad essere stato il primo ex "repubblichino" a diventare ministro nella storia del dopoguerra. Nel 2006, candidato al secondo posto della lista bloccata di Alleanza Nazionale in Lombardia 2, è stato rieletto alla Camera.

E' vergognoso che il Sindaco di Bergamo perori la causa di Abou Elkassim Britel , ma poi non onori il politico più longevo della città orobica, che molto s'è speso per la città.

Verrebbe da pensare che un figlio di un partigiano, come il Sindaco Bruni, non possa e non voglia onorare una persona meritevole , come Tremaglia, ma molto si spenda per il discusso Abou Elkassim Britel, da lui definito "cittadino bergamasco"http://www.caffenero.ilcannocchiale.it/?yy=2008&mm=1&p=3.

Ma è ancora più vergognoso che il PDL e il centrodestra bergamasco,non siano in grado di mettere in campo una candidatura non meramente di bandiera, che possa essere realmente un'alternativa a Roberto Bruni. 

Pike



sfoglia     aprile       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom