DIPIETRO PUO’ ASPETTARE | CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




19 marzo 2008

DIPIETRO PUO’ ASPETTARE

 

La questione legalitaria, essendo il motivo che più interessa l’identità e l’anima della destra, è anche quella che provoca gli strappi più violenti, le fibrillazioni più estenuanti, le mediazioni più sfibranti .

Nel passato ha già provocato profonde divisioni e incomprensioni nel suo elettorato e nella sua militanza, in cui hanno avuto buon gioco a insinuarsi elementi interessati a alimentare tali divisioni.

Parecchi elettori e simpatizzanti si sono allontanati o ravvicinati in dipendenza degli avvenimenti giudiziari che si susseguivano e dell’onda emotiva che li colpiva.

Le vicende giudiziarie degli alleati, in particolare del cavaliere , hanno messo a dura prova la pazienza e la fedeltà dei “destri”, stretti nel dubbio se si trattava di accanimento giudiziario o anche di sostanza.

Le cosiddette leggi “ad personam” hanno ugualmente provato le certezze dei destri corrosi dal dubbio se si trattava di propaganda avversaria o interessi nascosti.

L’approvazione dell’indulto ha provocato sospetti sulla reale intenzione di certi alleati di perseguire il principio di responsabilità che è il DNA dei veri “destri” : chi sbaglia paga.

Insomma da questo punto di vista molti “destri” hanno mostrato una pazienza e una affidabilità maggiore degli alleati,che fa passare in secondo piano i loro difetti.

Certo che in futuro non si può continuare su questa via. Diceva qualcuno : abbiamo già dato. Specialmente nel caso che si torni al governo, la dirigenza destra dovrà essere ovviamente al di sopra dei sospetti, ma deve essere in grado di governare il processo riformatore che comincia dalle istituzioni anche giudiziarie, in modo da selezionare e migliorare la classe dirigente italiana (politica, burocratica, militare, economica, stavo per dire religiosa ma questo è affare del Vaticano…) e costruire quei valori condivisi in cui la grande maggioranza dei cittadini italiani si identifica e si riconosce.

Altrimenti verrebbe meno l’anima di un partito, di una militanza, di un elettorato. E senza anima non si va avanti, anche se ci si fonde in un unico soggetto politico.

Eventualmente fondere ma non confondere.

Dipietro può aspettare…

mauromauro




permalink | inviato da kinasafronte il 19/3/2008 alle 12:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom