Ma sta zitto, va'! | CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




17 marzo 2008

Ma sta zitto, va'!

 

Le dichiarazioni di “sciagura” Ciarrapico hanno scatenato tutta l'ipocrisia e la discriminazione antifascista che in questo Paese covavano sotto le ceneri della guerra civile. Come prevedibile, in fondo, essendo lo spauracchio fascista sempre valido da gettare nella mischia quando, in campagna elettorale, si vuole parlare del nulla più assoluto ma facendo un gran rumore, magari per demonizzare l'avversario.

Già, perché in questo strano paese, che si è lasciato alle spalle senza fatica il ben più recente fenomeno del terrorismo rosso – fregandosene quel tantino delle vittime -, in questo stato bizzarro che considera fossilizzato il comunismo al punto che i nuovi kompagni hanno la possibilità di presentarsi al pubblico con un lifting miracoloso che li ha resi pacifisti, non-violenti, custodi globali della democrazia, difensori delle minoranze (purché si tratti di minoranze rompicoglioni e politicamente scorrette), in quest'Italia in cui ogni posto di potere è colluso con la mafia e la camorra, il fantasma fascista continua a suscitare scalpore, oggi come nel 1922, senza che alcun cambiamento vi sia stato nei confronti del fenomeno.

Punto primo.

Personalmente continuo a non capire che senso abbia questo accanimento, cosa significhi ad ottant'anni anni di distanza dalla marcia su Roma continuare a discriminare dei sedicenti “fascisti”come se le persone che oggi si dichiarano tali avessero delle colpe da scontare. Tutto questo dimostra solo che ogni pensiero politico, da quello più democratico a quello più totalitario, hanno parecchi scheletri sull'armadio, ma il fascismo è stato per tutti il perfetto capro espiatorio per nascondere le proprie malefatte, generalmente peggiori rispetto a quelle dei socialisti in camicia nera.

Punto secondo.

Ribadito che ognuno ha diritto di proclamarsi vicino a qualsiasi pensiero, vorrei ad ogni modo sapere dove sarebbero questi tanto paventati “fascisti”. Personaggi come Ciarrapico, Corona o Licio Gelli hanno un bel dirsi camerati, ma il tutto è autoreferenziale. Con la medesima efficacia io potrei autodefinirmi una suora orsolina, e magari potrei anche crederci, ma resta il fatto che in pratica non lo sono.

I sedicenti mussoliniani sono infatti i primi a far tormentare nella tomba il loro presunto ispiratore ideologico, considerando l'abisso di opinioni che li separa. Quello pensava a rubare ai ricchi per dare ai poveri e a compattare tra loro una massa di solisti per farne un'orchestra, un popolo; questi si preoccupano di leccarsi coi loro milioni di euro freschi di stampa, di dare scalate a gruppi editoriali e magari anche di essere dei leader massonici, quindi in totale antitesi al pensiero che pretendono di incarnare.

In conclusione voglio rinfrancare gli amici antifascisti che possono ormai mettersi tranquillamente a riposo. Personalmente ho cessato di essere anticomunista quando mi sono accorto che ormai non c'erano più dei comunisti verso cui essere “anti”, con enorme beneficio nella mia salute in quanto ho smesso di mangiarmi il fegato. Per voi è ora di far valere lo stesso principio. Esponete in libertà il vostro pensiero e smettetela con un'ottusa caccia alla streghe che può fruttarvi solo personaggi spregevoli come Ciarrapico.

Se i fascisti sono quelli come lui, il fascismo davvero non esiste più.

Simone

www.arcadianet.blogspot.com




permalink | inviato da kinasafronte il 17/3/2008 alle 13:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (106) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom